CARO ZOO TI SCRIVO — 17 aprile 2012 14:59

“Grazie Zoo”


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Grazie Zoo”

Grazie Zoo,

sì grazie zoo… grazie a voi amici, per il vostro impegno, la vostra simpatia, grazie per le notizie, le scenette, le battute, le cazzate… grazie per la compagnia che ci regalate, per la vita che ci fate respirare; possono dire qualsiasi cosa, ma in un paese basato sulle bugie e sulle menzogne voi donate a noi ascoltatori l’unico momento, tra risate e serietà, dove la verità trova spazio per scorrere liberamente.

Nelle giornate tristi non solo riuscite sempre a strapparci un sorriso, ma anche a farci ridere fino alle lacrime, così che i problemi che ogni giorno sembrano sempre di più e fanno più paura, in quelle due ore scompaiono come per magia, come un incantesimo che ci sgombra la mente da tutte le rotture di coglioni.

Grazie per il vostro attaccamento nei confronti di noi ascoltatori, noi che siamo una grande famiglia, di quelle vere, dove tutti sono amici anche senza conoscersi, uniti da un’unica fede, fede non verso un individuo o qualcosa di astratto, ma fiducia in una realtà che da 12 anni si manifesta sotto forma di un programma radiofonico che per due ore incolla sulla stessa stazione gli orecchi di milioni di persone.

Grazie a te Pippo, ai tuoi dischi e alla tua straordinaria abilità di regista; grazie a Spyne, a te che hai sempre l’offesa in canna e che anche se non vai a Miami rimani mio fratello; grazie a Alan, miglior vocalist del pianeta (ahah), che grazie alle sue disgrazie d’amore è riuscito a far tornare giovane una vecchia come santina e a renderci partecipi di questa fantastica love story; grazie a te Maccio, il vero “italiano genio”, per la tua fantasia smisurata e la capacità di inventare a non finire; grazie a Herbert, sommo maestro della gheggheria, per le fantastiche battute (che per la cronaca Alan: fanno ridere); grazie a Ivo per.. vabbè grazie; grazie a te fratello Gibba, mio sfortunato compagno di tifoseria, grazie per le scanagliate, le critiche, ma soprattutto per “èhèhèh.. tgù tgù tgù”; infine grazie a Marco, a te che ci fai capire come davvero un uomo dovrebbe vivere, a te che insegni a lottare per le proprie idee, a inseguire sempre i propri sogni e a non arrendersi mai anche quando tutto sembra perduto. Grazie a voi ragazzi, voi adulti un po’ immaturi che andate controvento senza però che questo vi sfiori.

Se è vero che non esiste la perfezione, beh la famiglia dello zoo è sicuramente la cosa che più ci si avvicina.

 

Andrea Puccetti

Tags:

  • http://profile.yahoo.com/4GB3T2OEOMKAUDFBKVDV6HW6TQ Master_Chief_Sentenzioso

    Ciao a tutti bastardi,
    Sarò sintetico nel presentarmi. Mi chiamo Matteo e mi sono rotto i coglioni!
    Mi sono rotto i coglioni della situazione italiana.
    Mi sono rotto i coglioni degli italiani e dei loro atteggiamenti. Dell’inerzia
    con cui la maggior parte vanno avanti. Ma avanti dove? Dov’è la prospettiva?
    Dove sono le garanzie?
    Io mi reputo fortunato, a 20 anni ho un lavoro, ma non posso esser contento
    vedendo tutto ciò che mi circonda.
    E voglio fare appello a voi, per tutto il popolo dello Zoo. SVEGLIA!
    Svegliamoci dal torpore, dalla pigrizia, dal pensare “tanto qualcosa succederà”!!!
    Se non siamo NOI a farlo accadere nessun altro può farlo partire!
    E faccio una piccola, ma forse incisiva richiesta a voi dello Zoo. Tramite la
    musica facciamo passare un messaggio forte. Come in America ai tempo di Bush,
    tramite la musica si è passato il messaggio di rivolta (es. Eminem con la
    canzone “Mosh”).
    Ascoltate “Non siete Stato voi” di Caparezza e vedrete che niente vi tratterrà
    dal mandarla in diretta oggi stesso. Abbattiamo questa politica di MERDA,
    PRENDIAMOLI A CALCI NEI DENTI!!!
    Non ve ne pentirete.

    Firmato
        Matteo M.